Press "Enter" to skip to content

LA LETTERA SCARLATTA – lo Scacco matto al Sindaco

Martedì 30 luglio, sarà questa la data dell’inizio della fine? Probabilmente si ma non è scontato.
La lettera, indirizzata al primo cittadino di Montorio al Vomano, è un fulmine a ciel sereno. Le firme dell’Assessore Nibid e altri due Consiglieri di maggioranza, Colangeli e Valleriani, segnano l’ennesima frattura in seno al governo Facciolini. Nella lettera viene chiesto al Sindaco un cambio di rotta, in primis un rimpasto della giunta.
Alla luce di tutto ciò cosa dobbiamo aspettarci come cittadini di questo ennesimo terremoto?
Di sicuro Facciolini questa volta dovrà prendere una decisione netta e chiara, qualsiasi essa sia. E’ arrivato il momento di assumersi le proprie responsabilità e affrontare il problema, un problema che ha sempre rinviato, almeno fino ad oggi.
Dopo la risposta del Sindaco capiremo anche quali saranno le dinamiche successive che però possiamo immaginare. Difficilmente ci sarà rimpasto in Giunta, chi degli Assessori è disposto a fare un passo indietro? Le ragioni sono tante, posizioni radicate, equilibri troppo precari, scelte incoerenti e illogiche hanno incancrenito i rapporti irreparabilmente.
Il vaso è ormai rotto e la colla non permetterebbe all’acqua di non filtrare. Tra le ipotesi, è possibile la nascita di un nuovo gruppo consigliare in seno alla maggioranza formato proprio dai tre firmatari della lettera in oggetto.
A quel punto al primo Consiglio utile Facciolini andrebbe sotto con i numeri e la mozione di sfiducia sarebbe solo una gara a chi la piazza prima tra tutte le “opposizioni” presenti in Consiglio. Sara così? Probabilmente si, a meno di colpi di scena che in politica sicuramente non mancano mai. Rimane il fatto concreto che ormai la bomba è stata innescata e da oggi il timer scandisce il peggior momento del governo Facciolini e di conseguenza del Comune di Montorio al Vomano.
Non servono neanche più i consigli, è giunto il momento di mettersi una mano sulla coscienza e soprattutto di pensare finalmente al futuro del paese.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *